Previsioni USD/JPY e AUD/USD - 17 maggio 2019

|

USD/JPY

Il dollaro americano è caduto all’inizio delle contrattazioni di giovedì, ma ha trovato abbastanza supporto sottostante per capovolgere la situazione e formare un certo martello, e a un certo punto durante la giornata, abbiamo persino testato il livello dei 110¥. Il fatto che continuiamo a formare minimi più alti mi dice che in questo mercato si riversa molto interesse, per questo potremmo vedere un po’ di soppio al rialzo. Questo ha perfettamente senso, considerando che dobbiamo ancora colmare il gap superiore vicino al livello dei 111¥. Il mio scenario di base è un rafforzamento da questo punto , specialmente se i mercati azionari continuano a performare con forza. Ricordate, questo è un mercato molto sensibile alla propensione al rischio, quindi lo S&P 500 è un proxy eccellente per individuare la direzione futura di questa coppia. Se lo scenario fosse per lo più pessimista, potremmo vedere il rottura mercato scendere al di sotto del livello dei 109¥, aprendo la porta al livello dei  108¥.

Previsioni USD/JPY

AUD/USD

Il dollaro australiano continua a mostrare debolezza, e penso che a questo punto potremmo benissimo terminare giù a quota 0,68. Quest'area è la parte inferiore del più ampio intervallo di supporto, che estende di 200 pips al rialzo fino al livello dei 0,70. Questa è un'area importante nei grafici a lungo termine e che non si deve sminuire. A questo punto, se possiamo rimanere superiori al livello dei 0,68, c'è la possibilità che il dollaro australiano aumenti. Detto questo, tenete presente che questa coppia sarà straordinariamente sensibile alla guerra commerciale USA/Cina, che ovviamente non sembra migliorare. Oltre a ciò, dobbiamo prestare attenzione alla complessiva propensione al rischio, poiché probabilmente aumenterà e diminuirà di conseguenza. Fino a quando non scoppiamo al di sotto del livello 0,68, non mi interessa vendere.

Previsioni AUD/USD

Christopher Lewis è un trader Forex da diversi anni. Scrive sul Forex per molte pubblicazioni online, incluso il suo sito, giustamente chiamato The Trader Guy.