Previsioni Forex: Le Coppie da Seguire Questa Settimana – 18 agosto 2019

|

La differenza tra successo e fallimento nel trading Forex è molto probabile che dipenda da quali coppie di valute si sceglie di scambiare ogni settimana, e non dai metodi di trading esatti che si possono usare per determinare le entrate e le uscite di trade. Ogni settimana analizzerò i fondamentali, il sentimento di mercato e le posizioni tecniche al fine di determinare quali coppie di valute sono più propense a produrre le opportunità di trading più facili e profittevoli per la prossima settimana. In alcuni casi si tratterà di scambiare  seguendo il trend, in altri di fare trading sui livelli di supporto e resistenza nei mercati di più ampia portata.

Quadro Generale, 18 agosto 2019

Nel mio precedente articolo della scorsa settimana, avevo previsto che le migliori operazioni sarebbero state short GBP/JPY e long XAU/USD (oro in termini di USD) dopo una chiusura giornaliera superiore a 1503 dollari.

Questo non ha funzionato molto bene. La coppia valutaria GBP/JPY è aumentata dell'1,68% mentre l'oro in termini di USD ha chiuso lunedì sopra i 1503 $ e poi è aumentato dello 0,17% nel resto della settimana. Queste operazioni si sommano ad una perdita media per la settimana dello 0,76%.

Il mercato Forex della scorsa settimana ha visto il più forte aumento del valore relativo della sterlina britannica e il calo più forte del valore relativo dell'euro.

Il mercato della scorsa settimana è stato dominato dal rilascio dei dati di inflazione britannici più forti del previsto.

La settimana scorsa il mercato Forex ha continuato ad essere piuttosto attivo, con alcuni movimenti direzionali e alcune tendenze persistenti sebbene per lo più indebolite.

Questa settimana ha un numero simile di comunicati stampa ad alto impatto rispetto alla scorsa settimana, ma ci sono alcuni elementi importanti dalle banche centrali riguardanti i dollari australiani e statunitensi.

Analisi fondamentale e sentimento del mercato

L'analisi fondamentale ora vede la Federal Reserve adottare un approccio equilibrato a seguito del recente taglio dei tassi - tuttavia, un ulteriore taglio dello 0,25% è ampiamente previsto entro la fine dell'anno, con Goldman Sachs che dà una probabilità dell'80% a questo scenario. L'economia degli Stati Uniti sta ancora crescendo abbastanza fortemente, ma le nuove tariffe sui beni cinesi hanno fatto cadere i mercati azionari e il dollaro ha rinunciato alla maggior parte dei suoi guadagni precedenti, con un volo generale verso la sicurezza. Ciononostante, il flusso di sicurezza si è leggermente indebolito in quanto gli Stati Uniti hanno annunciato che l'imposizione delle nuove tariffe sarebbe stata ritardata.

L'economia britannica ha mostrato un'inflazione sorprendentemente forte la scorsa settimana e questo, unito agli acquirenti a lungo termine che si sono avvicinati quando la coppia di valute GBP/USD è arrivata a pochi pips dal livello cruciale di 1,2000 $, ha inviato la sterlina notevolmente più alta durante la settimana.

Il sentimento di rischio dominante nel mercato è in qualche modo sbiadito o almeno non è il principale fattore trainante del prezzo, che sembra prendere ciascuna valuta singolarmente. C'è un'immagine più confusa nel complesso. L'euro ha ceduto abbastanza forte, così come lo yen, con i metalli preziosi anche in calo dai loro massimi. Anche il dollaro della Nuova Zelanda sembra molto ribassista.

Analisi tecnica

Indice del dollaro USA

Il grafico dei prezzi settimanali qui sotto mostra che la scorsa settimana l'indice USD si è mosso di poco, stampando una piccola candela engulfing rialzista. Il prezzo è aumentato sia in 3 che in 6 mesi, indicando una tendenza rialzista. L'azione dei prezzi della settimana, che è stata rialzista, ha anche basato il nuovo supporto a 12375, che è un segnale rialzista che suggerisce che siamo un pò più propensi a vedere di nuovo un ulteriore aumento la prossima settimana rispetto a una caduta.

USDX

EUR/USD

La scorsa settimana questa coppia valutaria ha stampato un candela engulfing fortemente ribassista, che ha chiuso quasi al minimo, a un prezzo basso di 2 anni. Questi sono tutti segni ribassisti. L'euro è debole, mentre come abbiamo già visto, l'USD sembra un pò probabile che salga più in alto. Tuttavia, tieni presente che questa tendenza ribassista sebbene persistente, è lenta e soggetta a ritracciamenti.

EUR/USD

NZD/USD

Questa coppia di valute ha stampato una candela interna ribassista alla fine della scorsa settimana, chiudendo la settimana più bassa in quasi 4 anni. La candela si è chiusa sul suo minimo, che è un segno ribassista, e il NZD è più ribassista dell'AUD. Questi sono tutti segnali che probabilmente la prossima settimana produrrà prezzi ancora più bassi in questa coppia.

NZD/USD

Conclusione

Questa settimana prevedo che le migliori operazioni saranno short EUR/USD e NZD/USD.

Adam è un trader Forex che ha lavorato nei mercati finanziari per oltre 12 anni, inclusi 6 anni con Merrill Lynch. Adam è certificato nella Gestionedi Fondi e nella Gestione di investimenti dal Chartered Institute for Securities & Investment del Regno Unito.