Segnali Forex USD/JPY

|

USDJPY: volatile senza una chiara direzione

I segnali di ieri hanno prodotto un long e proficuo scambio dalla candela doji che ha respinto il livello di supporto a 105,69, sebbene il profitto sia andato solo fino alla resistenza a 106,73 che ha tenuto molto saldamente finora.

Segnali USD/JPY di oggi

Rischio 0,75%.

Le negoziazioni devono essere effettuate dalle 8:00 ora di New York giovedì alle 17:00 ora di Tokyo venerdì.

Suggerimenti di Operazioni Short

  • Entrare short a seguito di un’inversione ribassista della price action sull'intervallo di tempo H1, immediatamente al successivo tocco di 106,73, 107,21 o 107,26.
  • Posizionare lo stop loss 1 pip al di sopra dello swing high locale.
  • Spostate lo stop loss per raggiungere il break even quando il trade è 20 pip in profitto.
  • Rimuovere il 50% della posizione come profitto quando l'operazione è di 20 pip in profitto e lasciare eseguire il resto della posizione.

Suggerimenti di Operazioni Long

  • Entrare long a seguito di un’inversione railzista della price action sull'intervallo di tempo H1, immediatamente al successivo tocco di 105,69.
  • Posizionare lo stop loss 1 pip al di sotto dello swing low locale.
  • Spostate lo stop loss per raggiungere il break even quando il trade è 20 pip in profitto.
  • Togliere  il 50% della posizione come profitto quando l'operazione è di 20 pip in profitto e lasciare eseguire il resto della posizione.

Il metodo migliore per identificare una classica “inversione di price action” è attraverso la chiusura di una candela oraria, come una pin bar, una doji, una outside o anche una candela engulfing con una chiusura più elevata. Potete sfruttare questi livelli, o zone, osservando la price action che si verifica a quei dati livelli

Analisi USD/JPY

Ieri ho scritto che avremmo avuto un doppio massimo a 106,73, che probabilmente avrebbe resistito per un pò, e che il punto chiave della giornata sarebbe stato probabilmente 106,24, quindi un long trade da lì potrebbe essere una buona opportunità e prenderei una propensione rialzista se otteniamo un solido rimbalzo rialzista da quel livello più tardi, ma solo fino a 106,73.

Avevo ragione sulla resistenza a 106.73 e sulla ricerca di un long trade, ma mi sbagliavo sul fatto che 106.24 fosse il livello chiave, invece era 105.69.

Guardando il grafico dei prezzi qui sotto, nonostante la tendenza ribassista a lungo termine, sembra chiaro che i tori e gli orsi siano abbinati in modo molto uniforme, con entrambi 105.69 e 106.73 sembrano molto solidi.

Penso che il prezzo raggiungerà di nuovo 105,69 e se il prezzo si stabilirà al di sotto di quel livello potrebbe testare nuovamente i minimi recenti appena sopra 105,00 o addirittura scendere di meno. Vi è molta volatilità nel mercato in quanto i mercati azionari di tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti, iniziano a svendersi pesantemente, il che tende a correlarsi con i flussi provenienti dall'USD e dallo JPY. Quindi, prenderei un orientamento ribassista se il prezzo è inferiore a 105,69 e in calo con un buon slancio alle 10 di New York.

Segnali Forex USD/JPY

Non c'è nulla di molto importante dovuto oggi riguardo allo JPY. Per quanto riguarda l'USD, alle 13:30 ora di Londra ci saranno rilasci delle Vendite al dettaglio di base, Vendite al dettaglio e l'indice di Produzione FED Filadelfia.

Adam è un trader Forex che ha lavorato nei mercati finanziari per oltre 12 anni, inclusi 6 anni con Merrill Lynch. Adam è certificato nella Gestionedi Fondi e nella Gestione di investimenti dal Chartered Institute for Securities & Investment del Regno Unito.