Previsioni Forex Settimanali: NASDAQ 100, S&P 500, GBP/USD, USD/JPY, AUD/USD, USD/CAD, EUR/JPY, Cacao

La settimana scorsa si è assistito a un forte calo delle possibilità di un rialzo dei tassi negli Stati Uniti che hanno rafforzato il dollaro USA; tuttavia, anche i principali indici azionari statunitensi sono avanzati fino a raggiungere nuovi massimi storici.

La differenza tra successo e fallimento nel trading Forex/CFD non dipende tanto dai precisi metodi utilizzati per determinare ingressi e uscite dagli scambi, ma con maggior probabilità dagli asset che scegli di negoziare ogni settimana.

Quindi, quando inizia la settimana, è una buona idea osservare tutto quello che si sta sviluppando nel mercato nel suo insieme, e come tali sviluppi sono influenzati da fondamentali macroeconomici, fattori tecnici e sentiment del mercato.

Continua a leggere la mia analisi settimanale.

Analisi fondamentale e sentimento del mercato

Il 29 gennaio scrivevo che le migliori opportunità commerciali per la settimana sarebbero state probabilmente:

  1. Long sull'indice NASDAQ 100 dopo una chiusura giornaliera superiore a 17686. Questo non si è verificato.
  2. Long sull'indice S&P 500. Ciò ha prodotto un guadagno settimanale dell'1,38%.
  3. Long sui futures del cacao dopo una chiusura giornaliera superiore a 4840. Questo si è verificato alla chiusura di giovedì e ha prodotto un guadagno settimanale dell'1,07%.

Il risultato complessivo è stato un guadagno del 2,45%, corrispondente ad un guadagno dello 0,82% per asset.

La scorsa settimana si è assistito ancora una volta a una volatilità direzionale molto bassa nel mercato Forex, con solo una coppia di valute significativa che ha fluttuato di oltre l'1%. Si è verificata un'azione importante sui mercati azionari, soprattutto negli Stati Uniti e in Giappone. La scorsa settimana si sono nuovamente visti nuovi massimi storici raggiunti dagli indici di riferimento S&P 500 e Nasdaq 100.

Questo rialzo dei mercati azionari si è verificato nonostante lo strumento FedWatch del CME mostrasse aspettative fortemente al ribasso di un taglio dei tassi di marzo da parte della Federal Reserve. I mercati ora vedono solo il 38% di probabilità di un taglio dei tassi a marzo, in calo rispetto al 46% di una settimana fa, dopo che la Fed ha dichiarato che un taglio dei tassi nella prossima riunione di marzo sarebbe stato “improbabile”.

L'agenda della scorsa settimana è stata dominata dalle riunioni politiche della Federal Reserve e della Banca d'Inghilterra, senza che la BoE abbia riservato vere sorprese. Tuttavia, ci sono stati due dati statunitensi, JOLTS Job Openings e CB Consumer Confidence, che sembrano avere effetti reali sul sentiment, poiché entrambi hanno mostrato che l'economia statunitense ha registrato risultati migliori del previsto. Eppure sono stati gli enormi dati sull’occupazione non agricola di venerdì e la retribuzione oraria media a dare il tono, in quanto entrambi sono risultati quasi due volte più forti del previsto, mostrando un’economia americana che sembra ancora essere piuttosto calda nonostante il calo dell’inflazione. Particolarmente degno di nota è stato il guadagno orario medio in aumento dello 0,6% su base mensile.

Il mercato Forex è stato dominato da un forte dollaro statunitense mentre il dollaro australiano era la valuta principale più debole, anche se i numeri erano piuttosto moderati e quindi forse non molto significativi. Il dollaro USA sta mostrando uno slancio rialzista a breve termine, ma non ha una reale tendenza a lungo termine ed è incline al consolidamento.

La scorsa settimana sono stati rilasciati molti altri importanti dati economici:

  1. La revisione della fiducia dei consumatori dell'Università del Michigan negli Stati Uniti – uscita più o meno come previsto.
  2. IPC australiano (inflazione): è risultato inferiore alle attese, mostrando un calo al 3,4% che ha fatto scendere l'Aussie.
  3. PIL canadese – leggermente superiore al previsto.
  4. L’indice PMI manifatturiero cinese si è rivelato all’incirca come previsto.
  5. PMI manifatturiero ISM statunitense – più forte del previsto, che aggiunge peso al sentiment positivo sull’economia statunitense.
  6. Indice del costo del lavoro negli Stati Uniti – leggermente inferiore al previsto.
  7. Richieste di disoccupazione negli Stati Uniti – leggermente più alte del previsto.

brokers-we-recommend Brokers di Forex Raccomandati nella Tua Regione

Vedi l'elenco completo dei Broker see-full-broker

Questa settimana dal 5 al 9 febbraio

Gli argomenti più importanti di questa settimana saranno probabilmente l’incontro politico della Reserve Bank of Australia e l’intervista con il presidente della Fed Jerome Powell non molto tempo dopo l’apertura dei mercati asiatici. Tuttavia, nel complesso la settimana avrà un programma leggero e ci sarà poco altro da fare.

Altri importanti dati economici rilasciati questa settimana saranno, probabilmente in ordine di importanza:

  1. PMI servizi ISM statunitense
  2. Parola al Governatore della Banca del Canada
  3. Tasso di disoccupazione della Nuova Zelanda
  4. Richieste di disoccupazione negli Stati Uniti
  5. Testimonianza del governatore della RBA davanti al Parlamento
  6. Tasso di disoccupazione canadese

Martedì sarà un giorno festivo in Nuova Zelanda (Waitangi Day).

Previsioni mensili febbraio 2024

Esaminiamo i dati pertinenti sulle variazioni dei prezzi delle valute e sui tassi d'interesse ad oggi, che abbiamo compilato utilizzando un indice ponderato per il trading delle principali valute globali:

Variazioni dei prezzi delle valute e dei tassi d'interesse (Grafico)

Per il mese di febbraio non faccio previsioni mensili, poiché non esiste un trend evidente a lungo termine del dollaro statunitense su cui si possa fare affidamento.

L'andamento delle mie previsioni del mese scorso per gennaio è stato purtroppo negativo:

Performance finale delle mie previsioni Forex di gennaio 2024 - (Tabella)

Previsioni settimanali 5 febbraio 2024

La settimana scorsa non ho fatto previsioni settimanali, poiché non ci sono stati forti movimenti di prezzo in controtendenza in nessun cross valutario, che è la base della mia strategia di trading settimanale.

Anche questa settimana non faccio previsioni.

La volatilità direzionale nel mercato Forex è rimasta la stessa la scorsa settimana, con solo il 4% delle coppie di valute più importanti che hanno oscillato  di oltre l'1%. È probabile che la volatilità aumenti nel corso della settimana, poiché un livello di volatilità così basso è insolito per più di una o due settimane.

La settimana scorsa si è assistito ad una relativa forza del franco svizzero e ad una relativa debolezza dell’euro.

Puoi scambiare queste previsioni in un conto di intermediazione Forex reale o demo.

Livelli chiave di supporto/resistenza per le coppie più popolari

Le operazioni dovrebbero essere aperte e chiuse a (o molto vicino a) livelli chiave di supporto e resistenza. Ci sono alcuni livelli chiave di supporto e resistenza che possono essere monitorati sulle coppie di valute più popolari questa settimana.

Livelli chiave di supporto/resistenza per le coppie più popolari (Tabella)

Analisi Tecnica

Indice del dollaro USA

Grafico settimanale Indice del Dollaro USA

La scorsa settimana l’indice del dollaro statunitense ha stampato una candela rialzista, che mostra un certo slancio rialzista ma niente di particolarmente drammatico. La chiusura settimanale era al ribasso rispetto al prezzo di 3 mesi fa ma al rialzo rispetto al prezzo di 6 mesi fa, presentando un trend misto a lungo termine.

A causa di questo quadro tecnico contrastante, non posso prendere posizione sul dollaro USA come trader di tendenza, quindi scambiando Forex questa settimana sarà probabilmente meglio adottare un approccio opportunistico a breve termine basato sul sentiment quotidiano, mentre fare affidamento sulla forza o sulla debolezza di altre valute oltre al biglietto verde. Detto questo, vediamo una tendenza rialzista a breve termine nel biglietto verde, supportata dal calo delle aspettative di tagli dei tassi a breve da parte della Federal Reserve, quindi potrebbe essere il caso di cercare operazioni lunghe sull’USD questa settimana.

Indice NASDAQ 100

Grafico settimanale NASDAQ 100

L'indice NASDAQ 100 è aumentato la scorsa settimana dopo essere sceso per raggiungere brevemente un nuovo massimo storico dopo aver stampato una candela rialzista. Tuttavia, per la seconda settimana consecutiva, il più ampio indice S&P 500 ha registrato una chiusura settimanale più rialzista rispetto al NASDAQ 100.

Il quadro tecnico è rialzista a lungo termine, ma abbiamo sicuramente assistito ad alcune prese di profitto a breve termine nel settore tecnologico. Ci sono buone ragioni per mantenere una posizione lunga aperta nel mercato rialzista in cui ci troviamo attualmente, ma il prezzo potrebbe dover scendere ulteriormente prima di iniziare a salire di nuovo in modo convincente nel territorio di nuovi massimi. Tuttavia, il prezzo ha chiuso la settimana in modo piuttosto rialzista, quindi potrebbe semplicemente verificarsi un rapido breakout rialzista.

Sarò felice di entrare in una nuova operazione long se otteniamo una chiusura giornaliera superiore a 17686.

Indice S&P 500

Grafico settimanale S&P 500

L’indice S&P 500 è salito nuovamente la scorsa settimana per raggiungere e chiudere a nuovi massimi storici. Il nuovo record raggiunto due settimane fa è stata la prima volta che ciò accadeva in due anni.

La candela settimanale è di dimensioni medie e ha chiuso abbastanza vicino al suo massimo, il che è un segnale rialzista. Si tratta di una chiusura notevolmente più rialzista di quella vista nell’indice NASDAQ 100.

Questo rialzo nei mercati azionari statunitensi è un po’ strano in quanto avviene nello stesso momento in cui i rendimenti dei titoli del Tesoro statunitensi a breve termine e il dollaro USA stanno aumentando di valore, mentre le aspettative di un taglio dei tassi da parte della Federal Reserve a marzo continuano a scendere anche più in basso dopo la riunione politica della Fed della scorsa settimana. Questi fattori tipicamente indeboliscono i mercati azionari statunitensi. Può darsi che in questo momento l’economia statunitense appaia molto più impressionante di quella dei suoi concorrenti, che un afflusso di investimenti esteri stia arrivando nel mercato azionario statunitense. Ciò sarà probabilmente rafforzato dai dati sull’occupazione non agricola degli Stati Uniti, molto più forti del previsto, pubblicati venerdì scorso.

Considero l'indice S&P 500 come un acquisto.

Il quadro tecnico è rialzista. Una prima rottura verso un nuovo massimo storico ha storicamente generato un avanzamento di un 13% medio nel corso del prossimo anno, quindi i trader e gli investitori dovrebbero prendere seriamente in considerazione l’idea di andare long qui.

GBP/USD

Grafico orario GBP/USD

La scorsa settimana mi aspettavo che il livello di 1,2641 dollari potesse fungere da supporto e che il livello di 1,2715 dollari potesse fungere da resistenza nella coppia di valute GBP/USD, poiché entrambi i prezzi hanno agito in precedenza sia come supporto che come resistenza. Nota come questi livelli di “inversione di ruolo” possono funzionare bene. Il grafico dei prezzi H1 qui sopra mostra come il prezzo abbia rifiutato il livello di resistenza all'inizio della sessione londinese dello scorso lunedì con una pin bar, contrassegnata dalla freccia giù nel grafico dei prezzi che segnala i tempi di questo rifiuto ribassista. Questo può essere un ottimo momento della giornata per scambiare una delle principali coppie di valute Forex come questa. Questa operazione è stata redditizia, offrendo un rapporto rendimento/rischio massimo superiore a 2 a 1. Il rimbalzo rialzista al livello di supporto a $ 1,2715 si è poi verificato alla fine della sessione di Londra/New York che si è sovrapposta martedì scorso, il che può anche essere un ottimo momento per entrare in nuove operazioni, con una candela engulfing rialzista che dà il segnale di entrata. Questa operazione ha dato un profitto massimo maggiore di un rapporto rendimento/rischio di 1 a 1.

USD/JPY

Grafico orario USD/JPY

La scorsa settimana mi aspettavo che il livello di 148,25¥ potesse fungere da resistenza nella coppia di valute USD/JPY, poiché in precedenza aveva agito sia come supporto che come resistenza. Nota come questi livelli di “inversione di ruolo” possono funzionare bene. Il grafico dei prezzi H1 qui sopra mostra come il prezzo abbia rifiutato questo livello proprio all'inizio della sessione di Tokyo di lunedì scorso con una barra pin, contrassegnata dalla freccia giù nel grafico dei prezzi che segnala i tempi di questo rifiuto ribassista. Questa operazione è stata molto redditizia, offrendo un rapporto rendimento/rischio massimo superiore a 11 a 1 in base alla dimensione della candela di ingresso.

Tieni presente che ¥ 148,25 ora sembra essere diventato un supporto solido, quindi se il prezzo apre al di sopra di esso e poi scende per rimbalzare nuovamente, potrebbe essere un buon segnale per un nuovo scambio long in questa coppia di valute.

AUD/USD

Grafico orario AUD/USD

Mi aspettavo che il livello di 0,6622$ potesse fungere da resistenza. Il grafico dei prezzi H1 della coppia AUD/USD qui sopra mostra come il prezzo abbia rifiutato questo livello proprio all'inizio della sessione asiatica di martedì scorso con una barra interna, contrassegnata dalla freccia giù nel grafico dei prezzi che segnala i tempi di questo rifiuto ribassista. Questa operazione è stata molto redditizia, offrendo un rapporto rendimento/rischio massimo superiore a 9 a 1 in base alla dimensione della struttura a candela di ingresso.

Il dollaro australiano si è indebolito la scorsa settimana dopo che l'inflazione australiana è scesa inaspettatamente e fortemente, portando ad una più ferma aspettativa di tagli dei tassi da parte della RBA. Ciò significa che le migliori operazioni da cercare in questa coppia di valute questa settimana saranno probabilmente sul lato short, quindi attendere il rifiuto di un livello di resistenza vicino potrebbe essere un ottimo scambio. Anche il dollaro USA sta mostrando uno slancio rialzista a breve termine, il che rafforza le ragioni per un'operzione short in settimana.

USD/CAD

Grafico orario USD/CAD

La settimana scorsa mi aspettavo che il livello di 1,3464$ potesse fungere da resistenza nella coppia di valute USD/CAD, poiché in precedenza aveva agito sia come supporto che come resistenza. Nota come questi livelli di “inversione di ruolo” possono funzionare bene. Il grafico dei prezzi H1 qui sotto mostra come il prezzo abbia rifiutato questo livello durante la sessione di Londra/New York dello scorso lunedì sovrapponendosi a una barra pin, contrassegnata dalla freccia giù nel grafico dei prezzi qui sopra. Questo scambio è stato redditizio, producendo un rapporto rendimento/rischio massimo superiore a 3 a 1.

EUR/JPY

Grafico orario EUR/JPY

Mi aspettavo che il livello di 158,10¥ potesse fungere da supporto. Il grafico dei prezzi H1 qui sopra mostra come questo livello sia stato rifiutato durante la sessione londinese di giovedì scorso, contrassegnato dalla freccia su nel grafico dei prezzi qui sopra che segnala i tempi di questo rifiuto rialzista. Questa operazione si è rivelata redditizia, offrendo un rapporto rendimento/rischio massimo superiore a 2 a 1 in base alla dimensione della struttura a candela di ingresso.

Tieni presente che l'Euro sta mostrando una certa forza relativa e la coppia di valute EUR/JPY si trova in una tendenza rialzista a lungo termine, quindi potrebbe essere saggio cercare un'operazione long da un rimbalzo da qualsiasi livello di supporto vicino questa settimana.

Futures sul cacao

Grafico settimanale dei futures del cacao

I futures del cacao hanno avuto un forte trend rialzista per oltre un anno e la scorsa settimana il prezzo è salito molto fortemente fino a raggiungere un nuovo prezzo massimo pluriennale, chiudendo vicino al suo massimo appena sopra il grande numero tondo a 5000. Il grafico dei prezzi qui sopra si applica l'analisi di regressione lineare alle ultime 72 settimane e mostra graficamente quale grande opportunità sia stata questa nel lungo periodo.

Nonostante il recente forte calo, questa forte tendenza non mostra alcun vero segno di arresto. C’è una domanda globale in continua crescita per il  cacao superfood e l’offerta è stata limitata negli ultimi mesi.

Fare trading long su materie prime in caso di breakout verso nuovi massimi di 6 mesi è stata una strategia molto redditizia negli ultimi anni, quindi lo considero un acquisto. Tuttavia, vale la pena notare che il prezzo è ben al di fuori del canale di regressione lineare, quindi potrebbe valere la pena attendere un breakout verso un nuovo massimo per essere sicuri che questo ritracciamento sia finito.

Conclusioni

Vedo le migliori opportunità di trading questa settimana come:

  • Long sull'indice NASDAQ 100 dopo una chiusura giornaliera superiore a 17686
  • Long dell'indice S&P 500
  • Long dei futures del cacao
  • Long su USD/JPY e/o EUR/JPY dopo un rimbalzo rialzista sui supporti chiave
  • Short su AUD/USD a seguito del rifiuto ribassista sulla resistenza chiave

Pronto a fare trading con la nostra analisi Forex settimanale? Abbiamo stilato un elenco dei migliori broker per fare trading sul Forex che vale la pena utilizzare.

Christopher Lewis
Christopher Lewis è un trader Forex da diversi anni. Scrive sul Forex per molte pubblicazioni online, incluso il suo sito, giustamente chiamato The Trader Guy.