La decisione di Trump è stato un "grave errore?"

Di: DailyForex.com

Gli analisti politici ed economici si stanno concentrando sulla  decisione del presidente americano Donald Trump di ritirarsi dal piano d'azione globale congiunto (noto in termini laici come l'accordo nucleare iraniano). I termini del JCPOA avevano richiesto all'Iran di limitare il suo sviluppo di armi nucleari in cambio di un allentamento delle sanzioni economiche contro il paese. Il presidente Trump sosteneva che, nonostante l'accordo, l'Iran era sull'orlo dello sviluppo di armi nucleari distruttive e che il sostegno finanziario dell'Iran serviva solo a sostenere il regime terrorista.

L'ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha definito la decisione del presidente Trump di ritirare dal JCPOA un "grave errore" in una dichiarazione rilasciata martedì sera negli Stati Uniti. Nella sua dichiarazione, Obama ha osservato che:

"Allontanarsi dal JCPOA ci fa voltare le spalle agli alleati più stretti dell'America, e un accordo che i principali diplomatici, scienziati e professionisti dell'intelligence del paese hanno negoziato. In una democrazia, ci saranno sempre cambiamenti nelle politiche e nelle priorità da un'amministrazione all'altra. Ma la costante violazione degli accordi in cui il nostro paese è un partito, implica il rischio di erodere la credibilità degli Stati Uniti e ci mette in contrasto con le principali potenze del mondo ".

I leader europei hanno espresso un accordo con Obama, esprimendo le loro preoccupazioni sullo stato delle relazioni internazionali ora che Trump ha preso la sua decisione. Il partito del lavoro del Regno Unito, ad esempio, ha accusato Trump di un "atto avventato, insensato e immorale di sabotaggio diplomatico". La condanna unificata dell'UE della decisione di Trump è arrivata nonostante Trump abbia minacciato di penalizzare qualsiasi paese che abbia aiutato l'Iran ad evitare le sanzioni.

Non sorprende che i sostenitori di Trump siano venuti fuori come i suoi detrattori. Tra i suoi principali sostenitori politici ci sono i leader dell'Arabia Saudita e di Israele. Molti elettori di Trump e alcuni membri del suo team di consulenti hanno anche lodato i suoi sforzi, lodandolo per mantenere l'ennesima delle promesse elettorali che in origine avevano sollevato le sopracciglia. Nel momento in cui è stato approvato il JCPOA, solo il 21% degli americani l'ha sostenuto, mentre il 49% si è opposto. In questo senso, la decisione di Trump non solo ha soddisfatto il proprio ego e le sue politiche protezionistiche, ma ha anche rispecchiato la volontà della sua nazione.

Cosa viene dopo?

La decisione di Trump di ritirarsi dal JCPOA e di andare contro la richiesta di alcuni partner diplomatici chiave (vale a dire, Regno Unito, Francia e Germania), mette in discussione le relazioni diplomatiche precedentemente cordiali tra i paesi. Per ora, i leader dell'UE rimangono impegnati a sostenere il JCPOA, una mossa che potrebbe mettere a dura prova le loro relazioni con Washington. Se Trump reagisce negativamente all'impegno dell'Unione europea nei confronti del JCPOA, potremmo assistere ad ulteriori sanzioni economiche contro l'Europa, che potrebbero ulteriormente erodere le relazioni diplomatiche che sono state a lungo sviluppate.

Un'altra cosa da considerare sono le ripercussioni sul Medio Oriente. Gli scontri si sono intensificati tra Israele e Siria martedì sera, dopo che Israele ha attaccato in quanto le unità iraniane si muovono in Siria. I detrattori di Trump temono che le tensioni possano continuare a salire mentre l'Iran continua a sentirsi minacciato dall'alleanza tra Stati Uniti e Israele. I sostenitori delle decisioni di Trump, tuttavia, sostengono che una volta che le sanzioni saranno applicate contro l'Iran, il governo iraniano avrà meno denaro per nutrire i suoi partner militari in Siria, Yemen e Libano. In questo senso, è possibile che la decisione di Trump possa effettivamente frenare l'attività militare in Medio Oriente.

Un altro potenziale risultato della decisione di Trump, per quanto possa essere estremo, potrebbe essere la decisione dell'Iran di riprendere il suo sviluppo nucleare che potrebbe richiedere attacchi militari da parte degli Stati Uniti o dei suoi alleati. Forse è più probabile che l'Iran possa trovare un modo per rinegoziare l'accordo con Trump e l'UE. Anche se questa possibilità richiederà tempo e pazienza, sarebbe certamente il risultato meno dannoso per l'Iran.

Sebbene la decisione di Trump sia stata salutata sia da coraggiosa che da sciocca, c'è una cosa certa; ha messo l'Iran in un punto in cui non avrebbe altra scelta che decidere tra la sua agenda militare e le sue esigenze economiche. Qualunque cosa accada avrà impatti significativi sia sull'economia globale che sullo stato della diplomazia internazionale.

Sara Patterson ha un Master in Scienze Politiche e si occupa dell’analisi di entrambi gli eventi attuali e dei mercati internazionali per ottenere un quadro più completo del mercato valutario. Prima di passare alla scrittura finanziaria, ha insegnato inglese scritto agli studenti delle scuole superiori. I testi di Sara sono stati pubblicati su diversi blog finanziari e Forex.